Main menu

Italia dei Diritti

Movimento politico nazionale
per la difesa dei diritti dei cittadini.

Chi Siamo Aderisci

Il cemento vince sull’estensione del parco dell’Appia Antica, lo stupore di Soldà

Il vicepresidente dell’Italia dei Diritti: “C’è bisogno di bloccare l’edilizia selvaggia per favorire il Piano Paesaggistico”

 

 

“Dovremmo invertire la rotta a tutela del territorio e dare autorizzazioni di intervento sul suolo col contagocce”. Questa la dichiarazione di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti,  a seguito del testo varato dal Consiglio regionale del Lazio con cui si inaugura l’edificazione di 1.200.000 metri cubi di costruzioni lungo l’area che comprende il Divino Amore, la zona archeologica di Mugilla e i Castelli Romani. Zona che doveva invece essere destinata all’allargamento del Parco dell’Appia Antica. Continua l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “In questa maniera non si protegge nulla nonostante tutti i partiti dicano di farlo. Sono necessari vincoli alle costruzioni al fine di proteggere il paesaggio naturale dalle massicce e indiscriminate opere edilizie. Abbiamo perso una grande occasione, quella del Piano Paesaggistico a difesa di fiumi, frane e rischi di calamità naturali. La soluzione - conclude Soldà - consiste nell’evitare ulteriori colate di cemento che distruggono le bellezze del nostro paese”.

Ex Tils senza lavoro e operai licenziati,lo sdegno della Sassone

La viceresponsabile per Roma dell’Italia dei Diritti: “La poca serietà delle aziende mette per strada 60 famiglie”

 

“Il caso Tils sta passando, come tanti altri in questo momento di crisi, sotto il più assoluto silenzio. I media, con i dovuti distinguo, sono molto più impegnati a fare gossip che a informare il paese sulle tragedie che si consumano ogni giorno”. Queste le parole di Antonella Sassone, viceresponsabile per Roma dell’Italia dei Diritti, in merito al disagio provocato da Telecom Italia per aver venduto una parte della TILS - ex  Telecom Italia Learning Services - alla società HRS, generando assunzioni parziali che hanno escluso quasi sessanta dei 160 lavoratori aquilani e romani. Spiega l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “Tils, come le più famose Eutelia e Alcoa, non è un’azienda in crisi anzi è una società che in un periodo di recessione mantiene un apprezzabile fatturato ma ciononostante viene smembrata da soggetti di dubbia moralità mediante i giochetti delle vendite fittizie, della cessione di un ramo d’azienda e delle mille scatole cinesi che servono solo a distruggere un’impresa facendo arricchire l’amico di turno. Purtroppo – conclude la Sassone -  dietro tutto ciò ci sono i lavoratori e le loro famiglie che si trovano senza occupazione, che gridano la loro rabbia con la speranza che lo Stato si assuma finalmente le sue responsabilità”.

A Mantova asilo per soli bimbi cristiani, la reazione di Criseo

Il responsabile per la Lombardia dell’Italia dei Diritti: “In una scuola pubblica tutti i bambini, indipendentemente dal proprio credo religioso, devono essere bene accetti”

 

Mantova - “Attraverso questo regolamento, la scuola materna di Goito, comune guidato da una giunta di centrodestra, va a proporre un disegno educativo e di sviluppo della personalità secondo una visione cristiana creando una serie di problemi di tipo religioso e politico di cui francamente si può fare a meno. Non creiamo un problema proprio lì dove non dovrebbe esserci”.

 

Così Giuseppe Criseo, responsabile per la Lombardia dell’Italia dei Diritti, reagisce alla provocazione lanciata dal consiglio comunale di Goito, paese del Mantovano, che ha varato un regolamento che ammette le iscrizioni alla scuola materna Angeli Custodi solo di bambini provenienti da famiglie che accettano l’ispirazione cristiana della vita.

 

“In una scuola privata si potrebbe fare di tutto e di più, ma in una scuola pubblica occorre un trattamento paritario e laico – dichiara l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – anche se la maggioranza degli italiani professa una fede cattolica non dobbiamo imporre agli altri il nostro credo religioso”.

Crimini ecologici controllati dal Capo Forestale a Napoli, interviene Di Mauro


Il viceresponsabile per la Campania dell’Italia dei Diritti: “Salvaguardare l’ambiente dalla macro e micro delinquenza significa operare con preparazione

 

“Il sistema di videosorveglianza già esiste nel parco di Somma, il problema è la gestione dell’impianto”. In questo modo Angelo Di Mauro, viceresponsabile per la Campania dell’Italia dei Diritti, manifesta il suo disappunto circa la richiesta del sindaco Allocca di inserire anche il comune di Somma Vesuviana nel Napoletano nel progetto di controllo ambientale, che, attraverso un sistema di monitoraggio informatico, misura 24 ore al giorno l’inquinamento delle acque, dell’area, della meteorologia e della sicurezza delle infrastrutture e dell’ambiente. Tale iniziativa è stata presentata dal comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato, circa un mese fa,  per il cosiddetto ‘Triangolo della morte’ che comprende Marigliano, Acerra e Nola. Spiega l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro: “Salvaguardare una zona aperta a discariche e appuntamenti criminali prevede una struttura idonea e un personale qualificato e non credo che la Polizia Forestale sia in grado di farlo. Ci sono molte aziende che si occupano dell’istallazione di impianti di videosorveglianza, quindi il primo problema è  garantire gare ufficiali ed inoltre – conclude Di Mauro – c’è bisogno di  ottime sale di controllo fornite di squadre tecniche adeguate e non di impianti morti perché abbandonati a se stessi”.

 

 

 


Disastro ambientale nel Lambro, la disamina di Criseo

Il responsabile per la Lombardia dell’Italia dei Diritti: “Situazione critica, si tratta di un inquinamento rischioso sia per gli uomini sia  per gli animali”

 

Monza - “La fuoriuscita di greggio dai serbatoi dell’ex raffineria Lombarda Petroli potrebbe avere degli effetti devastanti per gli abitanti dei comuni rivieraschi, oltre che per tutti gli animali che popolano le acque del Lambro e del Po”.

 

È attraverso queste dichiarazioni che Giuseppe Criseo, responsabile per la Lombardia dell’Italia dei Diritti, commenta lo sversamento di 600 mila litri di petrolio nel fiume Lambro, provenienti dalla Lombarda Petroli di Villasanta, comune della provincia di Monza e Brianza.

I liquami hanno già raggiunto il Po all’altezza dei comuni piacentini.

La catastrofe sembrerebbe essere causata da un atto doloso dettato dalla speculazione edilizia dell’area in questione.

Protezione civile, vigili del fuoco e i tecnici dell’Arpa e di Brianza Acque lavorano per la realizzazione di sbarramenti per il contenimento e il parziale recupero del petrolio.

La Regione è sul punto di chiedere lo stato di calamità.

 

“Non dovrebbe essere difficile risalire agli autori di tale malefatta vista la quantità di greggio immesso nelle acque lombarde – sottolinea l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – e auspico per loro una pena esemplare commisurata all’entità dei gravi danni recati, i cui effetti si vedranno col tempo”.

Poliziotto ucciso a Milano per difendere ragazza, la Martino attacca il Governo

La responsabile meneghina  dell’Italia dei Diritti: “Inadeguate le misure quali ronde e giustizia fai da te, i cittadini chiedono forme di tutela concrete”

 

 

“Il fatto accaduto a Rho è un chiaro indicatore di alcune contraddizioni fondamentali come il  malessere dovuto all'instabilità, all'incertezza, all'incognita del quotidiano, in cui versano molti giovani e che sta assumendo proporzioni sempre più incontrollabili e che dà luogo ad atti inconsulti che talvolta giungono a epiloghi estremi come l’omicidio che si è verificato nella provincia milanese”. Queste le prime parole della responsabile per Milano dell’Italia dei Diritti Annalisa Martino sull’uccisione a Rho di un giovane da parte di un ex impiegato di banca causata da una rissa avvenuta perché l’assassino aveva molestato la fidanzata della vittima. Prosegue polemica l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “Quanto avvenuto dimostra l'assoluta inadeguatezza delle misure di ‘sicurezza’ finora adottate dal nostro Governo che, con iniziative quali ronde e giustizia fai da te, soddisfa il mal di pancia della gente  ma non garantisce l'effettiva tutela dei cittadini. Il fatto che l'aggressore sia un italiano e non uno straniero dimostra quanta demagogia ci sia nella denuncia gratuita e nella caccia all'untore che negli ultimi tempi si è scatenata contro gli immigrati. Ci suggerisce inoltre – conclude la Martino - che accanendoci contro i soliti capri espiatori si perdono di vista i veri e più seri problemi della gente. La parola d'ordine, prima ancora che ‘controllo’ e ‘repressione’, dovrebbe essere ‘prevenzione’ e, insieme a questa, ‘attenzione’ reale e non mistificata ai quesiti dei cittadini”.

 

 

 

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Alessandra Rossi – Piera Panichelle

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli

Via Virginia Agnelli, 89 - 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

sito web www.italiadeidiritti.it

Ordinanze anti-buche nella Capitale, Soldà critica Alemanno

 

Il vicepresidente dell’Italia dei Diritti: “Sono del tutto inutili, si pensi a garantire maggiore  trasparenza nelle gare d’appalto”

 

“Gli strumenti per il controllo della corretta esecuzione dei lavori pubblici esistono già, basterebbe applicarli con trasparenza”. Così il vicepresidente dell’Italia dei Diritti Roberto Soldà si scaglia contro le ordinanze recentemente firmate dal sindaco Alemanno, inserite nel regolamento per gli scavi da parte di aziende di pubblico servizio. Queste prevedono tra l’altro la nomina di trentacinque ispettori con potere di elevare multe fino a cinquecento euro per lavori eseguiti non correttamente; le sanzioni possono essere comminate anche nei giorni successivi il termine dei lavori,  con l’obbligo inoltre in capo alle aziende di ripristinare in ogni caso il manto stradale. Si tratta dell’ennesimo tentativo di risolvere l’annosa questione delle buche di cui sono costellate le strade della Città Eterna. Una soluzione che per il vicepresidente del movimento presieduto da Antonello De Pierro, “rappresenta solo un’inutile duplicazione degli incarichi, dal momento che esiste già la figura del direttore dei lavori deputata al controllo sull’esecuzione degli stessi”. La questione, per Soldà, va risolta a livello normativo diversamente, “impedendo cioè alle società autrici di una cattiva gestione dei lavori di poter nuovamente partecipare alle gare d’appalto, da condursi con severità e trasparenza. Occorre inoltre – conclude Soldà -  rescindere i contratti con le aziende che operano male, come peraltro è avvenuto con la Global Service di Alfredo Romeo”.

 

 

 

Fondi Sociali Europei per l’Abruzzo al vento, l’ira della Del Fallo

La viceresponsabile regionale dell’Italia dei Diritti: “Soldi preziosi inutilizzati danneggiano in modo irreversibile la condizione economica di una regione già in deficit per terremoto, scandali e crisi occupazionale”

 

 

“Il problema è che se soldi così indispensabili all’Abruzzo non sono stati spesi ciò è sinonimo del fatto che con molta probabilità i beneficiari di questi interventi, che presumibilmente vengono scelti a tavolino, questa volta non sono stati individuati con prontezza da quelle cariche istituzionali e politiche che ormai usano questi strumenti subdoli e deficitari per professione”. Questo il primo amaro commento della viceresponsabile per l’Abruzzo dell’Italia dei Diritti Barbara Del Fallo alla notizia che, dei 317 milioni di euro di Fondi Sociali Europei a disposizione della regione per il periodo 2007-2013, ne sono stati spesi solo una cifra pari al 5 per cento e ciò che è peggio è che il tempo per poterne usufruire sta per scadere. Prosegue indignata l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “Il fatto che il restante 95 per cento della somma non sia stato usato danneggia fortemente in modo irreversibile, data la situazione politico-sociale e lavorativa della regione, la condizione economica già in forte deficit in conseguenza agli scandali finanziari legati al settore sanitario, al disastro economico causato dal terremoto e in seguito soprattutto alla crisi occupazionale che di giorno in giorno mette in ginocchio la forza-lavoro regionale. I nostri politicanti – conclude stizzita la Del Fallo - farebbero bene a ricordarsi almeno ogni tanto non di rinsaldare le proprie tasche ma di utilizzare questi fondi che per loro sono superflui, vista la posizione economica raggiunta, per creare nuovi posti di lavoro che sono - e qualcuno glielo dovrebbe ricordare se loro sono così ‘smemorati’ - il motore economico essenziale per garantire la sopravvivenza e la crescita di ogni società civile”.

Partito lo sgombero all’Idroscalo di Ostia, il punto di Calgani

Il responsabile per Roma dell’Italia dei Diritti: “Decisione opportuna, che non deve trasformarsi in un’operazione di speculazione edilizia”

 

Roma  - “Se la legge viene infranta è inevitabile agire di conseguenza, tuttavia abbiamo il dovere di garantire sempre la dignità di coloro che subiscono provvedimenti che alterano fortemente le proprie condizioni di vita”.

 

Così Alessandro Calgani, responsabile romano dell’Italia dei Diritti, commenta l’arrivo delle ruspe del Comune per abbattere le prime baracche realizzate abusivamente negli ultimi cinquant’anni a ridosso del mare nell’area dell’Idroscalo di Ostia.

Nel 2002 all’intera zona il piano di assetto idrogeologico aveva attribuito la classe di rischio R4, la più elevata.

Alta la tensione fra i residenti.

 

“La necessità di azioni preventive al fine di evitare vere e proprie tragedie – denota l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – non deve essere assolutamente tramutata in una mossa di pura speculazione edilizia. Non si commettano gli stessi errori dei progetti già sviluppati su quell’area”.

Anziana al buio per clamoroso errore Acea, la denuncia dell’Italia dei Diritti

Emiliano Varanini, viceresponsabile per la Tutela dei Consumatori del movimento: “L’azienda  è invitata a fare chiarezza nei confronti dei propri utenti”

 

Roma - “Vicenda assurda, che continua a ripetersi ciclicamente. L’azienda che gestisce l’energia elettrica nella città di Roma dovrebbe spiegare il perché di questi continui disservizi e attraverso quale modalità viene affrontata la politica dei conguagli arretrati sulle bollette della luce”.

 

Queste le dichiarazioni con cui Emiliano Varanini, viceresponsabile per la Tutela dei Consumatori dell’Italia dei Diritti, ha commentato la vicenda di una cittadina romana, M.S., che in una denuncia inviata al movimento guidato da Antonello De Pierro, accuserebbe Acea di non averle più spedito le bollette dei suoi relativi consumi dal momento in cui la stessa azienda avrebbe provveduto alla sostituzione dei vecchi contatori.

Dopo alcuni mesi di attesa, lo scorso dicembre la signora senza nessun tipo di preavviso si sarebbe vista staccare la luce. Contattato il call center dell’azienda si sarebbe scoperto l’errore commesso da Acea, la quale avrebbe inviato per mesi le bollette ad un indirizzo inesistente, un bizzarro via Salaria civico 0.

Nonostante l’evidente disservizio, secondo quanto segnalato dall’utente, le nuove bollette sarebbero giunte finalmente al giusto indirizzo con una messa in mora considerevole per non aver versato i precedenti importi.

 

“Siccome Acea non è nuova ad episodi del genere – conclude Varanini – invito tutti i cittadini che usufruiscono di questi sevizi a portare avanti una class action secondo l’articolo 141bis del nuovo codice di consumo. Facciamo valere i nostri diritti”.

Emergenza negli ospedali romani, il j’accuse di Marinelli

Il responsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti: “La corruzione nel Welfare italiano traghetta il cittadino direttamente alla bara”

 

“C’è un evidente legame tra la corruzione e il dissesto finanziario della sanità laziale. Milioni di euro provenienti dall’Erario, utilizzati per acquistare ville e auto di lusso piuttosto che ambulanze e macchinari per gli ospedali”. Con questa netta ed impietosa analisi, il responsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti Vittorio Marinelli ha commentato l’ennesima emergenza sanitaria dovuto al sovraffollamento dei reparti ospedalieri. Sempre più critica la situazione nei nosocomi capitolini: ambulanze respinte all’arrivo in Pronto Soccorso, pazienti con codice rosso che stazionano anche per giorni prima che si liberi un posto in reparto. Complice anche il recente taglio dei posti letto, sono circa cinquecento al giorno i malati in lettiga in attesa di una sistemazione in reparto. La cruda analisi di Marinelli prosegue con una critica al sistema di Welfare italiano, “sbandierato solo nei programmi elettorali a differenza di quello scandinavo in cui, a parità di pressione fiscale con il nostro paese, il cittadino è realmente assistito dalla culla alla bara. In Italia invece, si tende a trascurare la prima e garantire la seconda, se un cittadino che arriva in Pronto Soccorso con codice rosso non può essere immediatamente visitato”. Per l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro, la classe politica italiana è a un bivio: “O decide di sopprimere questa parvenza di stato sociale, o allontana dalla gestione della cosa pubblica papponi e corruttori che determinano sistematici casi di malasanità”.

 

FacebookTwitter