Main menu

Italia dei Diritti

Movimento politico nazionale
per la difesa dei diritti dei cittadini.

Chi Siamo Aderisci

De Pierro, Italia dei Diritti a Marcetelli per vincere

Il presidente del movimento, che schiera Giuliana Rainaldi come candidata a sindaco, ritorna sulla polemica delle "liste civetta" e spiega perché i cittadini del borgo reatino non possono perdere questa "straordinaria opportunità" per far rinascere il paese

 

 

Roma - Dopo la polemica sollevata nei giorni scorsi circa la definizione di "lista civetta" da parte di alcuni quotidiani, in riferimento alla presentazione della candidatura di Giuliana Rainaldi a sindaco di Marcetelli, sostenuta da dieci aspiranti consiglieri, il presidente del movimento Italia dei Diritti Antonello De Pierro è ritornato sull'argomento, rivendicando con decisione la scelta di concorrere per amministrare il comune più piccolo del Lazio, in provincia di Rieti.

 

 "Come ho già avuto modo di chiarire — esordisce De Pierro — la nostra candidatura a Marcetelli non nasce per caso. Da presidente dell'Italia dei Diritti seguo personalmente, molto spesso, o delego a tale scopo i segretari provinciali, persone di estrema fiducia, il vaglio delle candidature nei territori, prediligendo sempre l'inserimento nelle liste di persone residenti in loco, e solo quando ciò non risulta possibile ci orientiamo verso uomini e donne non dimoranti in ambito comunale, ma sempre con un legame molto forte con la zona e un marcato impulso motivazionale a impegnarsi nelle istituzioni, espletando con tutti i crismi l'attribuzione mansionale affidata loro dall'espressione consensuale degli elettori, sempre nell'interesse supremo dei corpi collettivi. Così è avvenuto con Giuliana Rainaldi, per la cui designazione mi assumo ogni responsabilità, avendone appurato personalmente le qualità professionali e morali idonee per chi aspira a rivestire cariche elettive sotto l'egida del nostro movimento. E non solo. Giuliana, residente a Riofreddo, a soli 35 chilometri, da sempre frequenta il territorio di Marcetelli e dintorni, a cui è legatissima e ha deciso di scendere in campo proprio per colmare quelle lacune amministrative che chi ha occupato finora gli scranni decisionali ha permesso che si producessero, lasciando orfani i cittadini, i pochi che sono rimasti, di elementi fondamentali atti a soddisfare le esigenze più ovvie del divenire fenomenico della quotidiana esistenza".

Leggi tutto: De Pierro, Italia dei Diritti a Marcetelli per vincere

"Liste civetta" a Marcetelli, De Pierro contro il Messaggero e il Corriere di Rieti

Il presidente dell'Italia dei Diritti rispedisce al mittente la definizione formulata dai due quotidiani  in riferimento al movimento che presiede

Roma - In occasione delle consultazioni elettorali 2020 per il rinnovo dei consigli comunali, rinviate dalla scorsa primavera al 20 e 21 settembre a causa dell'emergenza Covid 19, il movimento politico nazionale Italia dei Diritti, come di consueto, ha presentato anche quest'anno le sue liste in diversi comuni. Tra questi figura anche Marcetelli, graziosissimo borgo in provincia di Rieti,ai margini della Valle del Salto,che le statistiche anagrafiche indicano come il più piccolo del Lazio per numero di abitanti. Ha fatto notizia su diversi organi di stampa il fatto che a contendersi lo scranno di primo cittadino siano ben cinque candidati, come Il Messaggero, a firma di Samuele Annibaldi, e Il Corriere di Rieti, che gridano addirittura all'incredibile puntando il dito contro quelle che individuano come "liste civetta", tra cui, chi legge, può agevolmente scorgere il riferimento all'Italia dei Diritti, cosa su cui non sembra possano nutrirsi dubbi di sorta.

Non ci sta Antonello De Pierro, presidente dell'Italia dei Diritti e giornalista di lungo corso, a vedere etichettato in questo modo il movimento che presiede e dissotterra l'ascia di guerra della polemica, scendendo in campo in prima persone e rispondendo al mittente la definizione formulata.

Leggi tutto: "Liste civetta" a Marcetelli, De Pierro contro il Messaggero e il Corriere di Rieti

La siciliana Silvia Conti, da Indietro Tutta all'Italia dei Diritti

L'ex attrice e soubrette lanciata da Renzo Arbore è stata nominata dal presidente Antonello De Pierro alla Tutela degli Animali. Lunedì prossimo, giorno della fiducia al Conte Bis, sarà a Montecitorio per manifestare contro abbandono, maltrattamento e vivisezione

Roma - Continuano le adesioni all'Italia dei Diritti, il movimento nazionale fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro. La new entry risponde al nome di Silvia Conti, che il pubblico televisivo italiano ricorda per essere stata l'artefice dell'enorme successo ottenuto dalla trasmissione Rai "Indietro tutta", condotta da Renzo Arbore. La Conti, al secolo Daniela D'Agrò, cugina dell'ex ministra e parlamentare di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, era la rappresentante di punta delle Ragazze Coccodè nel programma che lanciò Nino Frassica, Mario Marenco e Nina Soldano, e con la grande attenzione che suscitò nella stampa e nell'opinione pubblica fu determinante per consegnare agli annali della tv l'originalissimo format di arboriana memoria.

Leggi tutto: La siciliana Silvia Conti, da Indietro Tutta all'Italia dei Diritti

Orsola (IdD) nel consiglio nazionale Anci, il compiacimento di De Pierro

Il presidente dell'Italia dei Diritti si complimenta con il responsabile per la Valle dell'Aniene per il prestigioso incarico del quale è stato insignito


Roma - "Saluto con estremo entusiasmo la nomina a consigliere nazionale Anci di Marco Orsola, nostro validissimo esponente nella Valle dell'Aniene. E' l'epilogo naturale di un impegno amministrativo ultraventennale, svolto sempre in impeccabile sintonia con gli standard operativi più elevati, che lo hanno condotto a far registrare una costante e perfetta concretizzazione sotto il profilo qualitativo. I risultati da sempre ottenuti al timone della macchina istituzionale sono riscontrabili ictu oculi e non possono non essere eletti a emblema di alta efficienza gestionale. Sono certo che Marco saprà onorare l'attribuzione mansionale di cui è stato investito in termini di valorizzazione dei piccoli comuni".

Leggi tutto: Orsola (IdD) nel consiglio nazionale Anci, il compiacimento di De Pierro

Niente tavoli in piazza a Vicovaro, la polemica di De Pierro

Il presidente dell'Italia dei Diritti e consigliere dell'Unione dei Comuni della Valle Ustica contro l'ordinanza del sindaco emessa in occasione del concerto dei Collage

Roma - Visita a sorpresa, l'altra sera, a Vicovaro da parte del presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro per incontrare un gruppo di sostenitori locali del movimento. Era di ritorno dalla Basilicata, dove da anni l'Idd si batte contro l'inquinamento, che ha fatto crescere le morti per patologie oncologiche del 300%, e che è pressoché ignorato dalla gran parte degli amministratori locali, e dove si era recato per valutare l'opportunità, insieme ad alcuni esponenti del luogo, specie nella zona della Val d'Agri e in località Tempa Rossa, di presentare liste proprie in una terra in cui i consensi per la sua compagine politica stanno crescendo di giorno in giorno.

L'occasione è stata rappresentata dai festeggiamenti, nel comune della Valle dell'Aniene, in onore di Maria Santissima Avvocata Nostra, con il concerto dello storico gruppo musicale Collage. Ad accogliere De Pierro è stato il responsabile cittadino Giovanni Ziantoni, consigliere comunale nella vicina Sambuci. Insieme a loro anche Tony Gallo, responsabile per Pomezia e capogruppo nell'assise consiliare di Castel San Pietro Romano, e il referente per Marino Massimo De Angelis.

Leggi tutto: Niente tavoli in piazza a Vicovaro, la polemica di De Pierro

"Sei un povero demente". Anche Storace e Santanché contro Antonello De Pierro

Il presidente dell'Italia dei Diritti ha subito un linciaggio mediatico, ancora in corso, senza precedenti dopo la pubblicazione di un innocente tweet sulla manifestazione di Roma

Roma - Non accenna a scemare il linciaggio mediatico che sta colpendo da circa una settimana il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, dopo che questi aveva pubblicato, in occasione della manifestazione tenutasi davanti a Montecitorio nel giorno della fiducia al Governo Conte bis, un tweet che stimava il numero dei partecipanti a una cifra che si aggirava intorno ai 300. La quantità espressa, che comunque è alquanto compatibile con la realtà partecipativa dell'improvvisata piazza, non è stata giudicata congrua dai supporter leghisti, i quali si sono scagliati contro il giornalista romano in decine di migliaia, con insulti e minacce su tutti i profili e le pagine social facenti a lui riferimento, da Twitter a Facebook, passando per Instagram per arrivare a You Tube e a ogni articolo pubblicato in rete che permettesse commenti degli utenti, specie dopo che Matteo Salvini gli aveva rivolto una critica dal palco, pur senza citarlo. Il primo post, dopo mezz'ora aveva già ricevuto 200.000 visualizzazioni e oltre 1000 commenti. Infatti subito dopo De Pierro ne aveva pubblicato un altro, con foto allegata, al fine di dimostrare la veridicità di quanto aveva affermato. Ma ciò non aveva convinto i suoi contestatori, i quali si erano ripetuti, rincarando notevolmente la dose , con una "violenza verbale senza precedenti", come l'aveva definita il leader dell'Idd.

Leggi tutto: "Sei un povero demente". Anche Storace e Santanché contro Antonello De Pierro

Ritrovamento ragazzo scomparso, dichiarazioni del capogruppo Idd a Roccagiovine Antonello De Pierro

Ecco quanto dichiarato dal presidente dell'Italia dei Diritti e capogruppo del movimento nel consiglio comunale di Roccagiovine, dopo il ritrovamento di Stefano Garzilli, il 24enne romano di cui si erano perse le tracce domenica scorsa nel Parco dei Monti Lucretili, nel territorio di Roccagiovine :"Da 2 giorni seguo con apprensione la vicenda della scomparsa del giovane Stefano Garzilli nei boschi di Roccagiovine, il bellissimo borgo alle porte della Capitale, in cui siedo in consiglio comunale in qualità di capogruppo dell'Italia dei Diritti.

Leggi tutto: Ritrovamento ragazzo scomparso, dichiarazioni del capogruppo Idd a Roccagiovine Antonello De Pierro

Marco Orsola, a Saracinesco, come a Fosdinovo, comunicazioni indietro di vent'anni

Il responsabile per la Valle dell'Aniene dell'Italia dei Diritti: "A volte non possiamo nemmeno guardare la tv"

Roma - "Piena solidarietà al comune di Fosdinovo che, come noi a Saracinesco, patisce l'inadeguatezza di telecomunicazioni proibitive che ostacolano il nostro quotidiano senza risparmiare le attività produttive, spesso danneggiate da un segnale telefonico e una connessione a internet che ci riportano indietro di vent'anni nella storia della comunicazione a distanza".

Leggi tutto: Marco Orsola, a Saracinesco, come a Fosdinovo, comunicazioni indietro di vent'anni

Italia dei Diritti in Valle Aniene, responsabile sarà Marco Orsola

Il presidente Antonello De Pierro ha designato il sindaco di Saracinesco, dopo la sua adesione al movimento, per il coordinamento territoriale dell'area

Roma - A distanza di qualche settimana dall’adesione di Marco Orsola. sindaco di Saracinesco e presidente dell’Unione dei Comuni Valle del Giovenzano, al movimento Italia dei Diritti, il presidente Antonello De Pierro, sentito il parere del responsabile provinciale di Roma Carlo Spinelli e del direttivo territoriale, ha proceduto alla nomina diretta della new entry a responsabile per la Valle dell’Aniene. Certamente è un passo strategico di estrema importanza per l’espansione dell’Idd in quello che è considerato uno dei più bei paesaggi d’Italia. Uno sviluppo dell’insediamento politico del movimento, iniziato poco più di un anno fa e che ha portato all’elezione di ben 11 consiglieri, divisi tra i comuni di Roccagiovine, dove capogruppo è lo stesso presidente De Pierro, Sambuci, Vallepietra e Rocca Canterano. L’Italia dei Diritti è senz’altro la lista con più eletti in tutta la valle attraversata dal fiume Aniene e l’incarico affidato a Marco Orsola, un emblema inimitabile di buona amministrazione, mira a un radicamento territoriale molto più diffuso, per affermare solidamente i principi fondanti del movimento, basati soprattutto su legalità e giustizia.

Leggi tutto: Italia dei Diritti in Valle Aniene, responsabile sarà Marco Orsola

Antonello De Pierro assalito su web da migliaia di utenti di destra dopo innocuo post

Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Aggredito ingiustificatamente sui social dai supporter Meloni e Salvini, quasi 2 mila i commenti inferociti al mio tweet per essere poi inseguito e coperto di insulti anche su Facebook e Instagram. Mai vista una simile violenza verbale". 

Roma - A dichiararlo, all'indomani della manifestazione di Fratelli d'Italia e Lega contro il nuovo Governo, il giornalista romano e presidente del Italia dei Diritti Antonello De Pierro che, ieri mattina, aveva descritto con toni aspri su Twitter il raduno di manifestanti in corso nei pressi di Montecitorio: "Quando sono arrivato in piazza - riprende il leader del movimento - non ho trovato una folla oceanica ad attendere i leader di Fdi e Lega. Alcune immagini che stavano circolando - prosegue De Pierro - riprendevano una piazza solo apparentemente gremita, comunque sovrastimata rispetto all'impressione che se ne aveva dal vivo. Per il resto - aggiunge -  chi mi conosce sa che ho commentato la scena con il mio stile che può non piacere ma che mai mi sarei aspettato innescasse simili reazioni"

Leggi tutto: Antonello De Pierro assalito su web da migliaia di utenti di destra dopo innocuo post

A Comune Roccagiovine assunta sorella consigliera di maggioranza, opposizione insorge

Il gruppo dell'Italia dei Diritti, capeggiato dal presidente Antonello De Pierro, ha presentato una mozione con istanza di consiglio straordinario

Roma - Nuova vibrante protesta dell'Italia dei Diritti, gruppo di opposizione nel consiglio comunale di Roccagiovine, contro l'amministrazione guidata dal sindaco Marco Bernardi. Il movimento presieduto a livello nazionale dal giornalista romano Antonello De Pierro, che tra l'altro è consigliere capogruppo proprio nell'assise consiliare roccatana, da tempo fa sentire forte la sua voce contro le numerose inefficienze gestionali della maggioranza locale, da sempre puntualmente denunciate nel consesso assembleare, in particolar modo da parte dallo stesso De Pierro. Questa volta il dissenso si appunta sull'opportunità di un'assunzione effettuata nei mesi scorsi a seguito di un avviso di selezione pubblica finalizzato alla ricerca di una figura professionale da impiegare presso l'Ufficio Tributi. La congiuntura aveva subito incontrato le perplessità dei consiglieri dell'Italia dei Diritti per una serie di motivazioni, tanto da indurre il leader del movimento, esercitando il diritto di sindacato ispettivo legato al munus consiliare, a produrre subito un'istanza di accesso agli atti, rimasta parzialmente inevasa, con un'ostensione documentale lacunosa, soddisfatta solo dopo un rinnovo di richiesta al fine di ottenere il materiale preteso, ma con un'inevitabile e penalizzante dilatazione dei tempi di attesa e quindi dell'espletamento dell'auspicata attività istituzionale di manifestazione della contrarietà al provvedimento emesso. Vincitrice della procedura concorsuale è risultata Giada Facioni, sorella dell'autorevole consigliera di maggioranza Michela, miss preferenze (è stata la più votata in assoluto), nonché parente dello stesso sindaco Bernardi, ma De Pierro si è affrettato subito a chiarire che la disapprovazione esula dall'esito della selezione, che considera una mera coincidenza.

Leggi tutto: A Comune Roccagiovine assunta sorella consigliera di maggioranza, opposizione insorge

FacebookTwitter