Main menu

Italia dei Diritti

Movimento politico nazionale
per la difesa dei diritti dei cittadini.

Chi Siamo Aderisci

Nieddu soddisfatta per accordo con imprese a favore di beni culturali a Roma

La viceresponsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti: “Una svolta fondamentale per il rilancio di siti degradati”

 

 

Roma - “Non posso che esprimere tutta la mia soddisfazione per l’intesa raggiunta fra Zètema e Federlazio, è una notizia meravigliosa che va in controtendenza rispetto al disinteresse, oramai appurato, con cui vengono trattati i beni culturali in Italia”.

Con queste parole Anna Nieddu, viceresponsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti, saluta il patto siglato fra Zètema, l’azienda comunale che elabora progetti culturali a Roma, e Federlazio, associazione che riunisce le piccole e medie imprese del Lazio, per il recupero degli spazi culturali abbandonati o in disuso della capitale. L’accordo mira a far entrare le Pmi nel campo dei beni culturali con un contributo di 20 milioni di euro. Fra i progetti previsti: reintroduzione del sistema dei bandi pubblici per eventi culturali, animazione e spettacoli dal vivo nei musei civici, una biennale sulle vie della seta e il potenziamento dei bookshop.

 

“È vero che l’operato di Zètema non ha riscosso forti consensi nella gestione del  patrimonio storico artistico della città di Roma – conclude l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – tuttavia, dobbiamo dargli atto degli sforzi condotti per siglare quest’accordo, che porterà nuove risorse finanziarie in un settore che viene considerato l’ultima ruota del carro nel nostro paese”.

Guida con avvertenze a turisti gay e rom, l’opinione di Soldà

Il vicepresidente dell’Italia dei Diritti: “Chiedo rispetto per le minoranze. Impariamo a vivere civilmente”

 

 

 

Roma - “Il problema della discriminazione nella nostra società sta crescendo ogni giorno di più, ed è arrivato il momento di fare qualcosa di realmente concreto per contrastarlo fino in fondo”. Queste le dichiarazioni rilasciate da Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, in merito all’iniziativa promossa dal gruppo provinciale di Sinistra e Libertà.

Nella mattinata di ieri, nelle piazze del centro storico di Roma, alcuni militanti hanno distribuito una guida che consiglia a turisti gay e rom che vengono nella capitale di evitare determinate zone  per sottrarsi a pestaggi e insulti di vario genere. Obiettivo dell’iniziativa è stato denunciare la politica dei divieti promossa dal sindaco Alemanno.

 

“Ciascuna minoranza deve avere il diritto di passeggiare liberamente in qualunque zona di Roma, senza avere il timore di ricorrere in scontri ed offese  – sentenzia l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – ci vuole più educazione per imparare le regole della comune e reciproca convivenza”.

Duro attacco di Leporati a Vignali su gestione Teatro Regio di Parma

Il viceresponsabile provinciale dell’Italia dei Diritti contesta il sindaco: “Un amministratore che sta devastando un’intera città nella sua dimensione urbana, sociale e culturale  perché facilmente manovrabile da una casta politica poco onesta

 

Roma – “Vignali come presidente della Fondazione del Teatro Regio colleziona l’ennesima indecenza della sua amministrazione. Un sindaco incapace catapultato da una classe di politici vergognosi a dilapidare il patrimonio comunale, facendo contratti milionari a consulenti e sovrintendenti che hanno già contribuito al fallimento di altre realtà culturali. Un amministratore che sta devastando un’intera città nella sua dimensione urbana, sociale e culturale, perché facilmente manovrabile da una classe imprenditoriale amorale e da una casta politica poco onesta”. A proferire tali stoccate è il viceresponsabile per la provincia di Parma dell’Italia dei Diritti, Paolo Leporati, che lamenta la cattiva gestione della Fondazione del Teatro Regio cittadino di cui il sindaco parmigiano Pietro Vignali è presidente. In particolare uno dei soci storici dell’istituto artistico, la Fondazione Cariparma, ha negato il finanziamento per la stagione lirica 2009/2010 spiegando che nessun contributo verrà elargito senza la dimostrabilità della correttezza di rendiconto, considerati anche i 2,5 milioni di euro di deficit nel bilancio del Teatro.

 

“Inoltre – aggiunge Leporati – di recente l’ex sindaco di Parma, Elvio Ubaldi, del quale Vignali può considerarsi il delfino, ha dato un parere positivo su tale bilancio, mostrandosi tuttavia molto critico sulla situazione gestionale creata dall’attuale primo cittadino. Auguriamo alla nostra amata città, che il monito contenuto nella risposta della Fondazione Cariparma sia un forte rintocco per le coscienze ancora sveglie e timorate. Altrimenti, dopo il fallimento del Regio vedremo la bancarotta di Piazza Garibaldi, con conseguente ipoteca sull’intera città”, ha concluso l’esponente territoriale del movimento che fa riferimento ad Antonello De Pierro.

 

 

Sanità romagnola sperimenta fascicolo elettronico, plauso dell’Italia dei Diritti

Soddisfatti Massimo Cascone e  Manlio Caporale, responsabili del movimento, rispettivamente  per l'Emilia Romagna e per la Sanità

 

Bologna, 16 dicembre 2009 – “Tra le decine di scempi amministrativi ogni tanto si sente anche qualche notizia positiva che giova e porta un fresco respiro alle pesantezze burocratiche”. Questo è il commento di Massimo Cascone, responsabile per l’Emilia Romagna dell’Italia dei Diritti, riguardo al traguardo tecnologico raggiunto dall’amministrazione sanitaria romagnola, che dopo aver creato il Cup (Centro Unificato di Prenotazione sanitaria) in questi giorni sta sperimentando l’utilizzo dell’Fse (Fascicolo Sanitario Elettronico) che servirà a consultare ed aggiornare online la storia clinica dei cittadini. “Un plauso alla sanità Romagnola – continua l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – che con questo progetto si porta all’avanguardia sia a livello nazionale che internazionale. Io stesso sto usufruendo di questo collegamento e ne sono soddisfatto, quindi prendiamo atto della miglioria effettuata”. Altrettanto soddisfatto è Manlio Caporale, responsabile per la Sanità dell’Italia dei Diritti che ha dichiarato: “Un programma di questo tipo offre delle grandi possibilità, estendendo in modo pratico e veloce l’assistenza territoriale e allo stesso tempo mantenendo la riservatezza. Il paziente si appropria della facoltà di monitorare costantemente il proprio stato di salute migliorando la comunicazione tra medico, farmacia, ospedale e utente finale. Mi auguro – conclude Caporale – che questo sistema venga all’allargato all’intero paese, in modo da portare l’Italia a essere modello per le nazioni di tutto il continente”.

Alemanno contro i cortei durante le feste, la risposta di Soldà

 

 

Il vicepresidente dell’Italia dei Diritti Roberto Soldà: “Sono contrario alla posizione del sindaco. I cittadini hanno il diritto di manifestare il loro malessere”

 

 

ROMA - Rischia di essere rotta la tregua imposta dal sindaco Alemanno per evitare l'inflazione di manifestazioni selvagge nella Capitale e i disagi che ne conseguono.

Ieri circa mille studenti del Liceo Righi sono scesi in strada per protestare contro una mancata autogestione dell'istituto mentre per oggi, nonostante sia stato revocato quello di autobus e tram, è previsto lo sciopero degli Ncc, noleggiatori con conducenti. Il sindaco ha minacciato gli operatori assicurando che se la tregua del periodo natalizio non verrà rispettata la polizia sarà costretta ad intervenire

Roberto Soldà, vicepresidente dell'Italia dei Diritti, ha commentato : “Non si possono evitare le problematiche della società trincerandosi dietro il fatto che si crea un problema alla città. Il diritto di manifestare non può essere negato, specialmente in questi mesi in cui i problemi sono tali e numerosi. Il disagio sociale dei lavoratori e degli studenti deve essere accettato e bisogna stare attenti ad evitare provvedimenti che potrebbero causare delle reazioni inverse. Indubbiamente – conclude Soldà – anche i cittadini romani, i turisti e i commercianti devono poter lavorare e vivere in tranquillità, specialmente durante le feste, ma occorre trovare un compromesso evitando misure drastiche”.

 

 

Professori fannulloni ateneo di Genova, il parere dell’Italia dei Diritti

A parlare sono Antonella Silipigni e Cesare De sessa, rispettivamente responsabile cittadina e viceresponsabile per la Scuola e l’Istruzione del movimento, che criticano il sistema

 

“Oltre a pubblicare notizie sull’improduttività questo è uno di quei casi nei quali bisognerebbe anche penalizzare i soggetti coinvolti”. Questa è stata la dichiarazione di Antonella Silipigni, responsabile per la città di Genova dell’Italia dei Diritti, riguardo alla notizia che il 14% dei docenti universitari del capoluogo ligure risulta improduttivo nel campo della ricerca. Di fatto i 214 insegnanti chiamati in causa, negli ultimi 5 anni, non sarebbero arrivati a pubblicare nemmeno 2 articoli scientifici  a testa. “E’ necessario approfondire quali sono le condizioni lavorative – ha continuato l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -  poiché ogni settore accademico è composto da molte persone. E’ troppo semplice dare la colpa ai soli precettori, bisogna anche vedere se sono stati incentivati  all’impegno nello studio e questo riporta il discorso ad una accusa più ampia dell’intero sistema scolastico”.Altrettanto duro è Cesare De Sessa, viceresponsabile per la Scuola e l’Istruzione dell’Italia dei Diritti che ha dichiarato:”La vicenda può forse sorprendere l’opinione pubblica ma non chi conosce l’università dal suo interno e in particolar modo le forme di assunzione dei suddetti luminari. Non rispettando i criteri di meritocrazia nel reclutamento, a lungo termine si genera una condizione tale da formare sacche di incompetenza e ignoranza  - conclude - che possono dar luogo soltanto a problemi all’interno del tessuto sociale già logorato dai continui soprusi contro l’istruzione”.

Sciopero alla Fiat di Termini Imerese, il sostegno dell’Italia dei Diritti

 

Antonella Silipigni, responsabile per le Attività Produttive e l’Industria dell’Italia dei Diritti: “Un caso emblematico che poteva essere evitato”

 

 

ROMA – Continuano gli scioperi presso la Fiat di Termini Imerese (Palermo) contro la fine della produzione di auto dello stabilimento, annunciata dal Lingotto, a partire dal 2011. Alla mobilitazione dei lavoratori si è aggiunto il contributo dei sindacati, dei commercianti, degli studenti e delle famiglie coinvolte.

Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, ha dichiarato: “Sono scelte importanti che non devono penalizzare una regione martoriata con problemi di disoccupazione eccessivi rispetto ai dati nazionali, creando ripercussioni sulle famiglie e sulla vita della zona. Quello di Termini Imerese è uno stabilimento storico e mi auguro che venga mantenuta la promessa di un cambio di produzione al posto della chiusura della fabbrica. I lavoratori hanno bisogno di sicurezza e della certezza di un lavoro per almeno uno, due o tre anni”.

Anche Antonella Silipigni, responsabile per le Attività Produttive e l’Industria dell’Italia dei Diritti, vede questa decisione in maniera critica: "Si tratta di un gravoso problema che ci portiamo avanti da anni, frutto del comportamento negligente dell'attuale Governo e della sua assenza al momento delle trattative della Fiat italiana con gli stabilimenti esteri. Sono mesi che in Italia la produzione interna è in calo e ci svegliamo a Natale trovando sotto l'albero questa bella notizia, cronaca di una morte annunciata. Quando all'epoca - continua la Silipigni - gli operai e i sindacati si erano mossi per lamentarsi contro i tagli allo sviluppo e all'innovazione, nessuno ha mosso un dito.

La chiusura della produzione di questo stabilimento porterà conseguenza di riflesso su tutto l'indotto e sulle piccole medie imprese che, lavorando per conto di Fiat, costituiscono l’ossatura del notro Paese”,

 

 

 

 

Superpoteri alla Provincia di Roma, l’entusiasmo di Galassetti

Il viceresponsabile provinciale dell’Italia dei Diritti:”Finalmente un punto di svolta che potrebbe giungere a un degno epilogo”

 

“Molto condivisibili e apprezzabili le parole di Zingaretti. Finalmente siamo ad un punto di svolta che potrebbe giungere a un degno epilogo”. Questa è la dichiarazione di Tullio Galassetti, viceresponsabile per la provincia di Roma dell’Italia dei Diritti, riguardo all’attribuzione di poteri speciali alla Provincia, da parte della Regione, in campo urbanistico. Questo evento, che ha portato il presidente Nicola Zingaretti ad affermare un entusiastico “pronti alla riforma”, aiuterà il compiersi del decentramento politico auspicato da ormai un ventennio. A gennaio cinque tavoli di lavoro riguardanti infrastrutture, ecologia, agricoltura e turismo porteranno a un documento finale che verrà presentato a maggio, quando dovrebbero iniziare i lavori. “L’innovazione più importante di questo progetto – ha continuato l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - è rinvenibile all’interno del quadro normativo inerente ai poteri speciali che saranno destinati a questo futuro ente amministrativo italiano, rendendolo di fatto protagonista nella competizione mondiale e all’avanguardia nel fronteggiare le attuali sfide sociali ed economiche del millennio. Elementi fondamentali del progetto sono l’integrazione, la sostenibilità e  l’innovazione. Questa è la sfida del futuro – conclude Galassetti - questa è la sfida che ci chiama ad essere protagonisti perchè il territorio dove viviamo può essere migliorato solo attraverso la partecipazione che, come diceva Gaber, è libertà, quindi democrazia.

Abolizione per legge dell’IdV, De Pierro contro Giovane Italia

Il presidente dell’Italia dei Diritti replica alla proposta-choc dei giovani del PdL di Treviso: “Se tolleriamo un partito come quello di Bossi addirittura al governo, dove occupa quelle poltrone tanto demonizzate al grido di ‘Roma ladrona’, allora non vedo come si possa chiedere l’abolizione di altri partiti democratici”


Roma – “Ci vuole una bella faccia tosta da parte della Giovane Italia di Treviso a lanciare proposte del genere, questo sempre se la proposta sia stata avanzata seriamente. Se, invece, si tratta solo di una manovra pubblicitaria per ottenere un pizzico di visibilità, allora ci facciamo una risata, anche se ai promotori vanno i complimenti per aver ottenuto il loro scopo. Ma, partendo dal presupposto di seriosità dell’iniziativa, la cosa mi preoccupa non poco. Nascendo poi il tutto in una provincia dove il PdL coesiste in alleanza con la Lega Nord, molto rappresentativa, la proposta assume i contorni del paradosso”. È uno dei passaggi chiave del commento pronunciato da Antonello De Pierro, presidente dell’Italia dei Diritti, in merito all’iniziativa alquanto singolare e provocatoria promossa dalla Giovane Italia di Treviso, il movimento giovanile del Popolo della Libertà: abolire per legge quei partiti e quei personaggi pubblici che, a loro dire, inneggiano all’odio verso il premier Silvio Berlusconi. I giovani pidiellini puntano naturalmente  il dito contro l’Italia dei Valori e Antonio Di Pietro, contro Rifondazione comunista, Marco Travaglio e Michele Santoro, rei con le loro accuse di aver istigato la violenza contro il Cavaliere.

 

Poi, il massimo esponente dell’Italia dei Diritti rincara la dose sulla Lega Nord: “Stiamo parlando di un partito che da sempre inneggia al razzismo, all’omofobia e, quindi, all’odio verso persone considerate, secondo il loro pensiero distorto, ‘diverse’. Non dimentichiamo, per ultimi, i cori di Matteo Salvini contro i napoletani e le sempre forti e discutibili frasi pronunciate dal vicesindaco di Treviso, Giancarlo Gentilini. E se odio genera inevitabilmente violenza, per quanto riguarda la Lega

l’equazione è stata da sempre esplicitata da frasi che non lasciano spazio a dubbi di sorta, su tutte vorrei ricordare le seguenti 'Il tricolore lo uso per pulirmi il culo', 'Imbracceremo i fucili per fermare i romani', 'Pulizia etnica contro i culattoni'. Perciò – prosegue deciso De Pierro – se tolleriamo, seppur a mio parere in maniera indecorosa, un partito come quello di Bossi addirittura al governo, dove occupa quelle poltrone tanto demonizzate al grido di ‘Roma ladrona’, ma che poi diventano molto comode per le terga padane, allora non vedo come si possa chiedere l’abolizione di altri partiti democratici”.

 

 

Quanto all’aggressione di cui il presidente del Consiglio è stato vittima domenica sera, Antonello De Pierro, nel rinnovare la sua ferma condanna verso il gesto di Massimo Tartaglia, osserva: “In questi giorni avevo deciso di non parlare della campagna di odio, spesso alimentata da Berlusconi, contro fondamentali organi istituzionali, ma in questa occasione non posso astenermi. Al contrario dei leghisti non posso affermare che il premier abbia mai istigato esplicitamente alla violenza, tuttavia non si può certamente negare che abbia usato espressioni forti contro la magistratura, contro il Capo dello Stato, contro la Consulta, contro chiunque abbia cercato di svolgere il proprio dovere istituzionale nel migliore dei modi, anche se spesso ciò era inviso al premier, e persino contro gli stessi cittadini italiani che politicamente la pensano diversamente da lui, basti ricordare quando definì ‘coglioni’ gli elettori della sinistra. Quindi, il mio invito è a stemperare i toni, a riportare la contesa nei confini del leale confronto democratico e a rispettare gli organi di garanzia previsti dalla Costituzione. Chiedere la soppressione per legge dell’Italia dei Valori equivale a dire ‘aboliamo chi in Parlamento cerca spesso invano di affermare i principi di legalità e giustizia’. Chiedere, invece, di procedere duramente contro professionisti come Santoro e Travaglio significa avere un concetto autoritario del giornalismo, volto al controllo totale dell’informazione, come già avviene in larga parte. In un paese democratico è l’informazione che controlla la politica e non viceversa, e Santoro e Travaglio, insieme ad altri pochi, stanno svolgendo semplicemente il loro mestiere di giornalisti, in un scenario desolante di servi della comunicazione mistificata genuflessi al potere”.

 

In chiusura del suo intervento il numero uno dell’Italia dei Diritti si dice d’accordo con il provvedimento di segnalare quei siti web che inneggiano alla violenza e all’odio, ma chiarisce: “Sono d’accordo con questa iniziativa, però mi suscita qualche perplessità che tali ferme prese di posizione siano emerse solo ora, mentre la presenza di gruppi facinorosi su Facebook si verifica da tempo. Mi chiedo come mai tali saldi principi non siano stati espressi per i gruppi pro-Totò Riina, per quelli che decantano la mafia o altre forme di criminalità”.

Sconti di Natale nei negozi triestini, il commento di Cuccu

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

Il responsabile provinciale dell’Italia dei Diritti: “Un’iniziativa da sostenere”

 

 

TRIESTE – Sconti selvaggi si apprestano ad invadere le città italiane in vista delle festività natalizie. A Trieste sono già numerosi gli esercizi commerciali che propongono ribassi dal 10% fino al 50% per uscire dal novembre nero e rivitalizzare un mercato in crisi.

Gli sconti di Natale sono resi possibili dalla riforma Ciriani che liberalizza le vendite promozionali in qualsiasi momento dell’anno e senza limiti di prezzo.

Valentino Cuccu, responsabile per la provincia di Trieste dell’Italia dei Diritti, ha commentato: “Nel periodo di precariato e imprevisti licenziamenti in cui viviamo gli sconti sono sempre ben accetti. Ritengo che in questo momento dell’anno, specialmente dopo un novembre critico, l’iniziativa di abbassare i prezzi da parte dei commercianti debba essere lodata e possa essere utile per invogliare gli italiani e per aiutare le famiglie in difficoltà ad avere un Natale degno di questo nome”.

 

A Latina fogli con intercettazioni riusati per fotocopie, perplessa la Di Marcantonio


La responsabile provinciale dell’Italia dei Diritti commenta l’insolito metodo di riciclaggio della cancelleria del tribunale

 

Roma, 15 dicembre 2009 – La mancanza di risorse per le cancellerie dei tribunali è storia purtroppo assai nota. Il palazzo di Giustizia di Latina  è balzato agli onori della cronaca per una politica di riduzione degli sprechi senza se e senza ma, tanto da riutilizzare come materiale per fotocopie vecchi fogli in cui sono riportate alcune intercettazioni relative al fascicolo di un processo in primo grado.

“La prima cosa che salta all’occhio è l’illegittima diffusione delle informazioni giudiziarie -  commenta Camelia Di Marcantonio, responsabile per la provincia di Latina dell’Italia dei Diritti - nonché un’inammissibile incuria per importanti documentazioni processuali e  desta stupore il totale disinteresse per la tutela della privacy dei cittadini. La giustizia italiana, risorsa posta sotto scacco dai tagli del Governo, è costretta a servire la popolazione in una condizione del tutto insufficiente. Sono forse questi i presupposti per applicare il Processo breve?”, conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro.

 

 

 

ti.it

FacebookTwitter